Cerca


stampa pdf

IP FailOver


Trovate la descrizione completa delle possibilità offerte da questa opzione sulla pagina dedicata del sito, alla voce IP Failover.


Prerequisiti

Ecco l'elenco dei requisiti richiesti e delle utility che possono servire per utilizzare correttamente questa opzione:

  • due server di tipo nsxxxx.ovh.net.
  • un IP FailOver.
  • un dominio e la possibilità di gestire i DNS di quest'ultimo.
  • un reverse per l'IP FailOver, se non desiderate utilizzare quello fornito di default sul vostro Manager.

Negli esempi che seguono, utilizzeremo il server A come principale ed il server B per ricevere l'IP FailOver.
Gli esempi sono stati riprodotti su due server con RedHat 7.2 Release 1 di OVH.

Attenzione: questo è solo un esempio di installazione. In casi reali, bisogna tenere presente che l'IP FailVOer non dovrebbe essere presente su entrambi i server in contemporanea. Infatti l'interfaccia di rete non deve essere aggiunta in anticipo sul server che prenderà il posto del principale in caso di guasto, se non è configurato come server MX di backup, adibito al trattamento delle mail in locale. Questo può causare problemi.


Attivazione


  • Selezionate il vostro server dedicato nel menu a sinistra nella home page;
  • Cliccate quindi sull'icona Servizi ;
  • Selezionate quindi l'icona IP FailOver ;
  • Ora cliccate su Aggiungere una FailOver , quindi create il nuovo IP FailOver seguendo la procedura guidata.

Terminata la procedura, riceverete una email contenente l'indirizzo IP FailOver assegnato ed il link alla guida per l'installazione su un server dedicato.


Installazione

Seguite le istruzioni contenute nella guida sugli IP supplementari.

Importante: Installate l'IP su entrambi i server al fine di poter testare il routing prima di dichiarare un nome a dominio sull'IP stesso. In questo modo potrete assicurarvi del momento esatto in cui l'opzione sarà effettivamente operativa.

Noi abbiamo mantenuto l'IP configurato su entrambi i server nel modo seguente:

  • Server A verso il quale è ruotato l'IP FailOver. Potete effettuare un test tramite connessione SSH sull'IP. Dovrete quindi trovarvi sul vostro server A.

  • Server B al momento solo configurato ma non accessibile tramite l'IP FailOver.


Test di Routing

Collegati al manager, selezionate il server A, quindi i Servizi, poi IP FailOver ed infine Oscillare un IP FailOver.
Selezionate il vostro IP FailOver e modificate il rounting verso il server B. Ancora una volta, riceverete una email che conferma la modifica di routing del vostro IP FailOver verso il server B. Una semplice connessione in SSH sull'IP FailOver e sarete collegati al vostro server B. L'opzione è quindi operativa in caso di urgenti necessità. Ora potete reindirizzare l'IP verso il server A, sempre dal Manager, ma questa volta server B, quindi Servizi, poi IP FailOver ed infine Oscillare un IP FailOver.


Caso di un nuovo dominio


Configurare i DNS

Con il reverse attribuito di default da OVH:
Quando desiderate creare un nuovo dominio, è necessario utilizzare il Reverse del vostro IP FailOver come DNS primario ed sdns1.ovh.net come DNS secondario. Durante l'operazione di creazione del dominio, dovrete quindi utilizzare l'opzione "Scegliere DNS personalizzati". Indicate quindi i nameservers come nello schema seguente:

  • primario: IP-fail-over.ovh.net
  • secondirio: sdns1.ovh.net

Troverete il reverse del vostro IP FailOver nella sezione server A, quindi Servizi, poi IP FailOver.

Con un reverse personalizzato:
E' anche possibile inserire un reverse sul vostro IP FailOver.
E' necessario creare un record A IN IP.FAIL.OVER su un dominio già esistente, dichiarare l'IP nella sezione Gestione dell'Hosting sotto a Nomi a dominio & DNS del vostro manager, e quindi aggiungerlo alla sezione IP FailOver come REVERSE. Una volta propagato, indicate il nome del server come segue:

  • primario: vostrohost.vostrodominio.com
  • secondario: sdns1.ovh.net

In entrambi i casi, è necessario collegarsi al Manager e cliccare su server A, quindi Servizi ed infine DNS secondario. Aggiungete il nome a dominio senza www. e selezionate l'IP FailOver come primario. In seguito, dovrete attendere da 12 a 24 ore perché i DNS si propaghino correttamente sulla rete, prima di fare qualsiasi altra modifica.


Installazione su un server dedicato

Aggiungete il dominio sul server A utilizzando OVHm, cliccate su Aggiungere un dominio.
Selezionate nel campo IP la voce FailOver. Scegliete le opzioni supplementari delle quali avete bisogno e convalidate cliccando su creare. Cliccate su Ritornare all'indice e cliccate su Riavviare tutti i servizi (per rendere effettive le modifiche). In seguito potrete installare il vostro sito come d'abitudine.

Eseguite quindi le stesse operazioni sul server B.
Importante: Non dimenticate di trasferire tutte le modifiche effettuate sulla zona DNS del server A anche sul server B. In caso di dimenticanza, alcuni sottodomini, come ad esempio forum.vostrodominio.com, potrebbero smettere di funzionare in caso di routing.

Viene presa in considerazione anche la differenza tra un server di backup che viene utilizzato solo in caso di guasto e il routing tra un server ed un altro.

In caso di funzionamento come server di backup:
In ogni caso, è necessario sincronizzare regolarmente i dati tra Web ed SQL sia sul server A che sul server B. Le email sono particolarmente importanti, dal momento che il server B deve unicamente archiviare le email e inviarle in un secondo momento al server A, onde evitarne la perdita.

In caso di funzionamento come routing tra due server/offerte:
Anche in occasione di routing è necessario rincronizzare lo scambio di dati tra Web ed SQL sia nel server A che nel server B. Quanto avviene il routing, è necessario creare sul server B tutti gli account email presenti sul server A, al fine di permettere la corretta distribuzione di tutte le email, dopo l'avvenuto routing.


Routing

Abbiamo due server dedicati che sono identici a livello di configurazione secondo le specifiche indicate sopra. Sono correttamente sincronizzati a livello di dati Web, SQL e configurazioni di zona.
Ora è sufficiente ruotare l'IP FailOver del server A sul server B come già visto durante i test di routing.
NOTA:
Durante la redazione di questa guida, sono state effettuate tutte le modifiche in tempo reale, al fine di verificare tutti i passaggi. Il routing di un dominio dal server A verso il server B richiede meno di 2 minuti.



Dominio esistente

Supponendo che il vostro dominio sia già installato sul server A con lìIP principale, bisogna procedere nel modo seguente:
  • riconfigurare i DNS sul server A;
  • modificare il VirtualHost sul server A;
  • aggiungere il dominio sul server B utilizzando l'IP FailOver;
  • modificare il DNS primario;
  • aggiornare le informazioni sul DNS secondario.


Modifica dei DNS sul server A

E' necessario modificare il file della zona del dominio.

Da connessione SSH:
nano /var/named/domaine.com.hosts

Prima di tutto le SOA che sono nella forma 2007022101. Il numero di serie indica esattamente la data al giorno della modifica (2007-02-21) più il codice numerico della prima modifica della giornata, ovvero 01. Se effettuate diverse modifiche durante lo stesso giorno, vedrete aumentare le ultime due cifre di un fattore incrementale (02, 03, 04 e via di seguito). Quindi IN NS: nsxxxx.ovh.net diverrà IP-failover.ovh.net e tutti gli IP saranno sostituiti dall'IP FailOver. Prestate bene attenzione a lasciare il punto alla fine della stringa in alcuni campi.
E' importante sostituire IN NS ns.ovh.net con sdns1.ovh.net perché, in occasione della ricreazione del DNS secondario nel manager, il vostro dominio sarà presente sul nuovo secondario, ovvero sdns1.ovh.net.
Salvate e riavviate Bind:
/etc/init.d/named restart


Utilizzando WebMin:
Accedete alla sezione Server, poi Server di nomi a dominio BIND, quindi sull'icona Master sotto al dominio in questione e infine su Modificare i file di registrazione.
Prima di tutto le SOA che sono nella forma 2007022101. Il numero di serie indica esattamente la data al giorno della modifica (2007-02-21) più il codice numerico della prima modifica della giornata, ovvero 01. Se effettuate diverse modifiche durante lo stesso giorno, vedrete aumentare le ultime due cifre di un fattore incrementale (02, 03, 04 e via di seguito). Quindi IN NS: nsxxxx.ovh.net diverrà IP-failover.ovh.net e tutti gli IP saranno sostituiti dall'IP FailOver. Prestate bene attenzione a lasciare il punto alla fine della stringa in alcuni campi.
E' importante sostituire IN NS ns.ovh.net con sdns1.ovh.net perché, in occasione della ricreazione del DNS secondario nel manager, il vostro dominio sarà presente sul nuovo secondario, ovvero sdns1.ovh.net.
In seguito salvate, effettuate un backup e applicate le modifiche.


VirtualHost sul server A

Da connessione SSH:
nano /httpd.conf

Nel VirtualHost del vostro dominio sostituite l'IP con il FailOver e salvate.
Riavviate il server web:
/etc/init.d/httpd restart


Utilizzando WebMin:
Dalla sezione Server, poi Server Web Apache, quindi sull'icona WWW del Server Virtuale sul vostro nome a dominio. Nei Dettagli del server virtuale sostituite l'IP con il FailOver, salvate, fate un backup e cliccate in alto, sull'etichetta Applicare le modifiche.


Dominio sul server B

Aggiungete il dominio sul server B tramite OVHm e cliccate su Aggiungere un dominio.
Nel campo IP selezionate il FailOver. Scegliete le opzioni aggiuntive di cui avete bisogno e convalidate cliccando su creare. Cliccate ora su Ritornare all'indice e cliccate su Riavviare tutti i servizi (per rendere effettive le modifiche).


DNS primario e secondario

Il faut tout d'abord aller dans le manager v3 cliquer sur serveur A puis Services et DNS secondaire.
Supprimez votre domaine du DNS secondaire et réajoutez le aussi tôt en selectionnant cette fois l'IP FailOver comme primaire.

Collegatevi quindi alla sezione Nomi a dominio & DNS, quindi Server DNS, e sostituite ai DNS attuali i seguenti:

  • primario: IP-fail-over.ovh.net
  • secondario: sdns1.ovh.net

Dovrete quindi attendere tra le 12 e le 24 ore per la propagazione sulla rete. Dopo il routing, effettuate dei testi di funzionamento sui DNS.


Test dei DNS

Prima di ruotare l'IP FailOver e rischiare l'inaccessibilità del vostro dominio, sarebbe indicato testare la configurazione realizzata.
Potete utilizzare i comandi da shell nel vostro WebMin o collegarvi tramite SSH ad uno dei vostri server dedicati.

Interrogate la zona DNS con il comando dig nel modo seguente: dig nomdedomaine.com @leserveur.ovh.net
Ecco un esempio:


SERVER A:

1:08 melost@InTheShell ~% dig guidesovh.com @ns38936.ovh.net
<<>> DiG 9.2.4 <<>> guidesovh.com @ns38936.ovh.net
guidesovh.com. IN A
ANSWER SECTION:
guidesovh.com. 86400 IN A 91.121.63.5
AUTHORITY SECTION:
guidesovh.com. 86400 IN NS sdns1.ovh.net.
guidesovh.com. 86400 IN NS 91-121-63-5.ovh.net.
ADDITIONAL SECTION:
sdns1.ovh.net. 170542 IN A 213.251.188.140
91-121-63-5.ovh.net. 84144 IN A 91.121.63.5



SERVER B:

1:08 melost@InTheShell ~% dig guidesovh.com @ghost.ovh.net
<<>> DiG 9.2.4 <<>> guidesovh.com @ghost.ovh.net

guidesovh.com. IN A
ANSWER SECTION:
guidesovh.com. 86400 IN A 91.121.63.5
AUTHORITY SECTION:
guidesovh.com. 86400 IN NS 91-121-63-5.ovh.net.
guidesovh.com. 86400 IN NS sdns1.ovh.net.
ADDITIONAL SECTION:
sdns1.ovh.net. 165503 IN A 213.251.188.140
91-121-63-5.ovh.net. 165503 IN A 91.121.63.5


Un dig @sdns1.ovh.net restituirà ugualmente il reverse del vostro IP FailOver.


Problemi

A priori è tutto pronto per ruotare l'IP FailOver da un server ad un altro.
Se tuttavia non siete sicuri della possibilità che funzioni come volete, potete contattare il supporto per chiedere una verifica. Vi indicheranno se è tutto configurato correttamente oppure se è necessario apportate delle correzioni.


Successivamente

E' attualmente in corso la redazione di altre guide con lo scopo di rendere l'utilizzo della vostra infrastruttura sempre più facile:

  • una guida sulla sincronizzazione dei dati tra due server;
  • una guida sulla configurazione di un MX backup per le mail;
  • sarà aggiunta una sezione a questa guida per la risoluzione dei problemi rilevabili da una Zonecheck.