Cerca


stampa pdf

Come installare un Kernel OVH ed avviare il server dal vostro Hard Disk


OVH propone gratuitamente il servizio di gestione del NetBoot che ti permette di avviare il server su un Kernel preconfigurato, direttamente dalla Rete: vedere KernelNetboot

E' comunque consigliabile avere lo stesso kernel installato sul disco rigido. In caso di problemi sul NetBoot durante un reboot della tua macchina, la stessa si avvierà automaticamente con il Kernel disponibile sull'Hard Disk. E' dunque preferibile che il Kernel sia aggiornato anche sul tuo Hard Disk.


Configurazione del server

Si desideri che il tuo server venga avviato sul kernel installato sull'Hard Disk, devi configurare questa opzione dal tuo Manager. Dovrai cliccare sul nome del server che desideri configurare, quindi dovrai cliccare su Servizi , poi su Netboot .

Dal menu a tendina, dovrai selezionare come modalità di avvio la voce HD e convalidare. Dovrai poi riavviare il server, sempre dalla sezione Servizi , quindi Riavviare .
Al riavvio, il tuo server utilizzerà il Kernel caricato di default sull'Hard Disk.

Per aggiornarlo costantemente dovrai quindi seguire la procedura indicata di seguito.


Procedura per aggiornare il Kernel sull'Hard Disk della macchina

Segui questi passaggi per l'installazione e l'aggiornamento del Kernel.

1. Collegati tramite SSH al tuo server dedicato, imposta l'utenza come root. Per maggiori dettagli sulla connessione in SSH, puoi consultare la guida relativa alla connessione SSH su Server Dedicato.
2. Collegati alla directory /boot: cd/boot
3. Tutti i nostri Kernel sono disponibili sul nostro FTP, pertanto puoi recuperare i file che corrispondono alla tua configurazione. E' disponibile un kernel per ogni configurazione: per server con processore Pentium 3, Pentium 4, bi-processori, processori con funzionalità Hyper Threading... Ogni Kernel è disponibile in 2 versioni: con o senza patch di sicurezza grsecurity (estenzione -grsec). Ad ogni Kernel corrisponde un file System.map.

Ad esempio,
cd /boot/
wget ftp://ftp.ovh.net/made-in-ovh/bzImage/2.6.34.6-3/bzImage-2.6.34.6-xxxx-grs-ipv6-64
wget ftp://ftp.ovh.net/made-in-ovh/bzImage/2.6.34.6-3/System.map-2.6.34.6-xxxx-grs-ipv6-64


4. Per far si che l'aggiornamento del kernel sia preso in carico al prossimo riavvio, devi aggiornare la configurazione del bootloader. Nei sistemi più vecchi (gentoo, OVH Release 2, Slackware, ...), il bootloader utilizzato è lilo, quindi devi modificare il file /etc/lilo.conf adattando la stringa che inicia con:

image=


Non dimenticare poi di applicare la configurazione eseguita, lanciando il comando /sbin/lilo.

Per le installazioni attuali, il bootloader è grub-1 (CentOS, RHEL, Fedora, Debian 5) o grub-2 (Debian 6, Ubuntu dal 2009):

  • Per grub-1, modifica il file /boot/grub/grub.conf oppure /boot/grub/menu.lst (solo su Debian 5).

  • Per grub-2, è sufficiente eseguire il comando update-grub.


5. Una volta aggiornato il bootloader, si può riavviare il server sul nuovo kernel.

Se il server non risponde e non pinga, puoi riavviare il server in modalità rescue e correggere nuovamente il file di configurazione.