Cerca


stampa pdf

Modalità Rescue per Windows



La Modalità Rescue è un sistema di soccorso che carica un particolare Sistema Operativo Linux e che vi permette di accedere alle partizioni sul vostro server per poterle consultare o modificare. Tramite l'utilizzo di questo sistema aggiuntivo infatti, è possibile caricare partizioni NTFS in lettura e scrittura.

ATTENZIONE! Malgrado la raccomandazione di Microsoft:
http://technet.microsoft.com/en-us/magazine/dd228988.aspx
[...] Essendo Free, lo strumento __NTFS-3G__ permette a __Mac OS X__ non solo di accedere in lettura, ma anche in scrittura sui volumi formattati in modalità __NTFS__. [...]

non possiamo garantire la totale sicurezza per il vostro server. Infatti i sistemi di partizionamento di Windows e quelli di Linux sono differenti. E' possibile che l'utilizzo di questa guida porti alla corruzione dei vostri file. Utilizzatela con cautela e siate consapevoli dei possibili rischi.

Infine, le codifiche utilizzate sono differenti tra sistemi Windows e Linux, quindi è estremamente probabile che un file scritto per la modalità rescue appaia sotto Windows con differenze significative (non vengono presi in considerazione gli accenti o le interruzioni di linea per i file di testo, ad esempio).


Prerequisiti

Per poter seguire agevolmente questa guida, è ovviamente necessario che il vostro server sia stato riavviato in modalità Rescue. Per modificare il Netboot dovrete accedere al manager, seguire le istruzioni indicate in questa guida e riavviare la macchina in modalità Rescue-Pro, quindi riavviate la macchina.


Sola lettura

Questo comando indica che è presente una sola partizione NTFS su /dev/hda1
rescue:~# fdisk -l

Disk /dev/hda: 250.0 GB, 250059350016 bytes
255 heads, 63 sectors/track, 30401 cylinders
Units = cylinders of 16065 * 512 = 8225280 bytes

Device Boot Start End Blocks Id System
/dev/sda1 * 1 30401 244196001 7 HPFS/NTFS


Questo comando permette invece di montare la partizione (caricare quindi i dati presenti su di essa) nella cartella /mnt del sistema di ripristino rescue.
rescue:~# mount /dev/hda1 /mnt/


In questa sezione sarà visualizzato il risultato dell'accesso alla directory contenente i dati tramite il comando cd /mnt e della quale abbiamo elencato il contenuto utilizzando il comando ls. Il contenuto è effettivamente quello di un server Windows. Il comando touch file tenta di creare un file vuoto su questa partizione, ma riceve sempre un errore in quanto il file system è in sola lettura. Usciamo quindi dalla directory dove sono stati montati i dati con cd.. e smontiamo la partizione con umount /mnt.
rescue:~# cd /mnt/
rescue:/mnt# ls
3c3abb82835fba4f277470b512 CMPNENTS Documents and Settings Inetpub Mail RECYCLER WINDOWS pagefile.sys
ADMIN CONFIG.SYS I386 Intel NTDETECT.COM SUPPORT boot.ini wmpub
AUTOEXEC.BAT Copssh.exe IO.SYS MSDOS.SYS Program Files System Volume Information ntldr

rescue:/mnt# touch file
touch: cannot touch `file': Read-only file system
rescue:/mnt# cd ..
rescue:/# umount /mnt/



Lettura e scrittura

Innanzitutto è necessario scaricare il driver corrispondente al sistema NTFS da questo link. Decomprimete il file col comando tar -xzf ntfs-3g-1.5012.tgz, quindi inseritelo nella directory creata con cd ntfs-3g-1.5012.
rescue:/# wget http://www.ntfs-3g.org/ntfs-3g-1.5012.tgz
--09:33:53-- http://www.ntfs-3g.org/ntfs-3g-1.5012.tgz
=> `ntfs-3g-1.5012.tgz'
Resolving www.ntfs-3g.org... 91.189.209.156
Connecting to www.ntfs-3g.org[91.189.209.156]:80... connected.
HTTP request sent, awaiting response... 200 OK
Length: 650,665 [application/x-tar]

100%[===================================================================================================================>] 650,665 1.70M/s

09:33:54 (1.70 MB/s) - `ntfs-3g-1.5012.tgz' saved [650665/650665]

rescue:/# tar -xzf ntfs-3g-1.5012.tgz
rescue:/# cd ntfs-3g-1.5012


Creeremo quindi una directory che contenga i file del driver una volta compilato, usando questa stringa mkdir /driver_ntfs-3g, quindi andremo a configurarlo con ./configure --prefix=/driver_ntfs-3g. Il driver viene quindi compilato (make) e poi installato (make install).
rescue:/# mkdir /driver_ntfs-3g
rescue:/ntfs-3g-1.5012# ./configure --prefix=/driver_ntfs-3g
rescue:/ntfs-3g-1.5012# make
rescue:/ntfs-3g-1.5012# make install


Provvederemo ora a montare la partizione col nuovo driver utilizzando mount -t ntfs-3g /dev/hda1 /mnt -o force e andremo a creare una directory. Visualizzando l'elenco del contenuto della partizione, sarà possibile riscontrare la presenza della directory.
rescue:/ntfs-3g-1.5012# mount -t ntfs-3g /dev/hda1 /mnt -o force
$LogFile indicates unclean shutdown (0, 0)
WARNING: Forced mount, reset $LogFile.
rescue:/ntfs-3g-1.5012# cd /mnt/
rescue:/mnt# ls
3c3abb82835fba4f277470b512 CMPNENTS Documents and Settings Inetpub Mail RECYCLER WINDOWS pagefile.sys
ADMIN CONFIG.SYS I386 Intel NTDETECT.COM SUPPORT boot.ini wmpub
AUTOEXEC.BAT Copssh.exe IO.SYS MSDOS.SYS Program Files System Volume Information ntldr

rescue:/mnt# mkdir mon_rep
rescue:/mnt# ls
< td>mon_rep
3c3abb82835fba4f277470b512 CMPNENTS Documents and Settings Inetpub Mail RECYCLER WINDOWS pagefile.sys
ADMIN CONFIG.SYS I386 Intel NTDETECT.COM SUPPORT boot.ini wmpub
AUTOEXEC.BAT Copssh.exe IO.SYS MSDOS.SYS Program Files System Volume Information ntldr

rescue:/mnt#


Una volta reimpostato il vostro Netboot per l'avvio normale (selezionate hd dal menu a tendina, dovrete smontare la partizione e quindi riavviare il vostro server come indicato di seguito.
rescue:/mnt# cd..
rescue:/# umount /mnt
rescue:/# /sbin/reboot