Cerca


stampa pdf

Rack Virtuale



Prerequisiti

Per utilizzare le funzioni spiegate in questa guida, devi essere in possesso di una offerta VIRTUAL RACK.

Quindi è necessario:

  • Avere una rack virtuale (vrack);

  • Avere almeno due server dedicati appartenenti alla gamma SP*, EG, MG o HG (con scheda di rete Gigabit o FastEthernet), sui quali sia attivata l'opzione Utilizzo Professionale che permette l'accesso alla Vrack;

  • Essere in grado di collegarsi al server in SSH, come indicato nella guida relativa (per i server Linux).

  • * Non disponibile sui server SP a partire dalla gamma 2013 e sconsigliata sulle precedenti versioni di questi modelli, in quanto il server disporrà solo di una connessione privata. La manutenzione e il supporto sarebbero quindi più complessi.


Ordinare una Vrack

Step 1 - Ordinare uno o più server professionali:


Step 2 - Ordinare la Vrack:

  • Per ordinare la tua rack virtuale (vrack) collegati al tuo manager v3.
    Nella home page, seleziona uno dei tuoi server.
    Clicca quindi sulla voce Servizi e poi su Ordinare una Virtual Rack .
    Quando la rack sarà attivata, riceverai una email di conferma che conterrà la tag della tua rack virtuale e altre informazioni utili.
    Una volta eseguito il pagamento dell'ordine, si attiverà la sezione di gestione della Vrack stessa, tramite la quale potrete selezionare i server che desideri aggiungere alla tua infrastruttura.


Configurazione

Per prima cosa, è consigliabile installare i seguenti pacchetti sui tuoi server, che ti saranno utili per la configurazione e la diagnostica in caso di problemi:

  • vlan o vconfig: obbligatorio per configurare la tua rack virtuale;

  • tcpdump: per verificare il corretto funzionamento delle schede di rete;

  • netcat o nc : per eseguire test di trasferimento tra i server (ad esempio);

  • fping: che sarà utile per pingare una classe completa di IP;

  • netmask o whatmask: permette di vedere il numero di IP disponibili;



INFORMAZIONE!
In tutta questa guida, la tag eth0.XXXX corrisponde alla tag della tua Rack Virtuale. Ad esempio, per la Vrack 2009, avrai eth0.XXXX = eth0.2009. In tutti gli esempi di seguito, andremo a configurare la nostra rack virtuale con l'IP 172.16.0.1 su due macchine: testvrack1 (172.16.0.1) e testvrack2 (172.16.0.2)__.

IMPORTANTE!!
Puoi configurare la classe 172.16.0.0/12, con l'eccezione degli IP elencati di seguito, che non dovrai in NESSUN CASO aggiungere come interfacce sulle tue macchine:
  • 172.16.0.0 => IP Network
  • 172.31.255.252 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.253 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.254 => IP Gateway della tua Rack virtuale

SUGGERIMENTO!
Quanti indirizzi IP costituiscono una classe /16? La Maschera di Sottorete (anche Subnet Mask) può aiutarti a verificare il numero di IP. Dopo esserti collegato al server in SSH, digita il seguente comando:
netmask -r 172.16.0.0/12
otterrai il seguente risultato:
172.16.0.0-172.31.255.255 (8192)
Potrai pertanto utilizzare 8192 IP, ad eccezione di quelli riportati sopra. Un buon amministratore di rete inizierà dall'IP 172.16.0.1 e terminerà con l'IP 172.31.255.250.


Sistemi Linux

Debian & Ubuntu
IMPORTANTE!!
Puoi configurare la classe 172.16.0.0/12, con l'eccezione degli IP elencati di seguito, che non dovrai in NESSUN CASO aggiungere come interfacce sulle tue macchine:
  • 172.16.0.0 => IP Network
  • 172.31.255.252 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.253 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.254 => IP Gateway della tua Rack virtuale

Installa i pacchetti indicati precedentemente tramite il seguente comando:
testvrack1:~# apt-get install vlan netcat fping tcpdump netmask

Modifica quindi il file di configurazione di rete /etc/network/interfaces e aggiungi le seguenti stringhe, sostituendo le XXXX con la tag corretta della tua rack virtuale:
auto eth0.XXXX
iface eth0.XXXX inet static
address 172.16.0.1
netmask 255.240.0.0
post-up ip r a 172.16.0.0/12 via 172.31.255.254 dev eth0.XXXX ; true

Quindi riavvia la tua interfaccia di rete, nel modo seguente:
/etc/init.d/networking restart

Per verificare la tua configurazione, lancia un comando ifconfig:
testvrack1:~#ifconfig
eth0 Link encap:Ethernet HWaddr 00:1c:c0:b9:98:f3
inet adr:94.23.196.195 Bcast:94.23.196.255 Masque:255.255.255.0
UP BROADCAST RUNNING MULTICAST MTU:1500 Metric:1
RX packets:48325 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
TX packets:28121 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
collisions:0 lg file transmission:1000
RX bytes:4033662 (3.8 MiB) TX bytes:3680376 (3.5 MiB)
Mémoire:e0200000-e0220000

eth0.2009 Link encap:Ethernet HWaddr 00:1c:c0:b9:98:f3
inet adr:172.16.0.1 Bcast:172.31.255.255 Masque:255.240.0.0
UP BROADCAST RUNNING MULTICAST MTU:1500 Metric:1
RX packets:3726 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
TX packets:2775 errors:0 dropped:4 overruns:0 carrier:0
collisions:0 lg file transmission:0
RX bytes:174402 (170.3 KiB) TX bytes:181332 (177.0 KiB)

lo Link encap:Boucle locale
inet adr:127.0.0.1 Masque:255.240.0.0
UP LOOPBACK RUNNING MTU:16436 Metric:1
RX packets:1291 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
TX packets:1291 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
collisions:0 lg file transmission:0
RX bytes:146137 (142.7 KiB) TX bytes:146137 (142.7 KiB)

e verifica le rotte tramite il comando route:
testvrack1:~# route -n
Tabella di routing IP del kernel
Destination Passerelle Genmask Indic Metric Ref Use Iface
94.23.196.0 0.0.0.0 255.255.255.0 U 0 0 0 eth0
172.16.0.0 0.0.0.0 255.240.0.0 U 0 0 0 eth0.2009
0.0.0.0 172.31.255.254 0.0.0.0 UG 0 0 0 eth0.2009
0.0.0.0 94.23.196.254 0.0.0.0 UG 0 0 0 eth0

Per testare la tua configurazione, puoi pingare il gateway o un altro server della tua rack virtuale sul quale hai già eseguito la configurazione descritta fin'ora:
testvrack1:~# ping 172.31.255.254
PING 172.16.0.2 (172.16.0.2) 56(84) bytes of data.
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=1 ttl=63 time=9.46 ms
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=2 ttl=63 time=0.219 ms


testvrack1:~# ping 172.16.0.2
PING 172.16.0.2 (172.16.0.2) 56(84) bytes of data.
64 bytes from 172.16.0.2: icmp_seq=1 ttl=63 time=8.83 ms
64 bytes from 172.16.0.2: icmp_seq=2 ttl=63 time=0.220 ms


Gentoo
IMPORTANTE!!
Puoi configurare la classe 172.16.0.0/12, con l'eccezione degli IP elencati di seguito, che non dovrai in NESSUN CASO aggiungere come interfacce sulle tue macchine:
  • 172.16.0.0 => IP Network
  • 172.31.255.252 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.253 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.254 => IP Gateway della tua Rack virtuale

Installa i pacchetti precedentemente indicati, nel seguente modo:
testvrack1:~# emerge vconfig netcat fping tcpdump whatmask

Modifica il file di configurazione di rete /etc/conf.d/net e aggiungi le seguenti stringhe, sostituendo alle _XXXX la tag esatta della tua rack virtuale:
vlans_eth0="XXXX"
vconfig_eth0=("set_name_type VLAN_PLUS_VID_NO_PAD")
config_vlanXXXX=("172.16.0.1 netmask 255.240.0.0")

Quindi riavvia la tua interfaccia di rete:
/etc/init.d/net.eth0 restart

Per verificare la tua configurazione, usa ifconfig:
testvrack1 ~ # ifconfig
eth0 Lien encap:Ethernet HWaddr 00:1c:c0:b9:98:f3
inet adr:94.23.196.195 Bcast:94.23.196.255 Masque:255.255.255.0
UP BROADCAST RUNNING MULTICAST MTU:1500 Metric:1
RX packets:11260 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
TX packets:5307 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
collisions:0 lg file transmission:1000
RX bytes:3738636 (3.5 MiB) TX bytes:701067 (684.6 KiB)
Mémoire:e0200000-e0220000

lo Lien encap:Boucle locale
inet adr:127.0.0.1 Masque:255.240.0.0
UP LOOPBACK RUNNING MTU:16436 Metric:1
RX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
TX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
collisions:0 lg file transmission:0
RX bytes:0 (0.0 B) TX bytes:0 (0.0 B)

vlan2009 Lien encap:Ethernet HWaddr 00:1c:c0:b9:98:f3
inet adr:172.16.0.1 Bcast:172.31.255.255 Masque:255.240.0.0
UP BROADCAST RUNNING MULTICAST MTU:1500 Metric:1
RX packets:730 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
TX packets:40 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
collisions:0 lg file transmission:0
RX bytes:34852 (34.0 KiB) TX bytes:3556 (3.4 KiB))

e verifica le rotte tramite il comando route:
testvrack1 ~ # route -n
Tabella di routing IP del kernel
Destination Passerelle Genmask Indic Metric Ref Use Iface
94.23.196.0 0.0.0.0 255.255.255.0 U 0 0 0 eth0
172.16.0.0 0.0.0.0 255.240.0.0 U 0 0 0 vlan2009
127.0.0.0 0.0.0.0 255.240.0.0 U 0 0 0 lo
0.0.0.0 94.23.196.254 0.0.0.0 UG 0 0 0 eth0

Per testare la tua configurazione, puoi pingare il gateway o un altro server della tua rack virtuale sul quale hai già eseguito la configurazione descritta fin'ora:
testvrack1:~# ping 172.31.255.254
PING 172.16.0.2 (172.16.0.2) 56(84) bytes of data.
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=1 ttl=63 time=9.46 ms
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=2 ttl=63 time=0.219 ms

testvrack1:~# ping 172.16.0.2
PING 172.16.0.2 (172.16.0.2) 56(84) bytes of data.
64 bytes from 172.16.0.2: icmp_seq=1 ttl=63 time=8.83 ms
64 bytes from 172.16.0.2: icmp_seq=2 ttl=63 time=0.220 ms


Red Hat, CentOS & Fedora
IMPORTANTE!!
Puoi configurare la classe 172.16.0.0/12, con l'eccezione degli IP elencati di seguito, che non dovrai in NESSUN CASO aggiungere come interfacce sulle tue macchine:
  • 172.16.0.0 => IP Network
  • 172.31.255.252 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.253 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.254 => IP Gateway della tua Rack virtuale

Installa i pacchetti precedentemente indicati, ricorda che netcat è già installato (nc):
testvrack1:~# yum install vconfig tcpdump

Per installare fping:
wget http://fping.sourceforge.net/download/fping.tar.gz
tar zxvf fping.tar.gz
cd fping-2.4b2_to/
./configure
make
make install

Per installare whatmask:
yum install whatmask

Copia il file di configurazione di rete e aggiungi la tag della tua rack virtuale XXXX:
cp /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0 /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0.XXXX

Modifica quindi il file:
DEVICE=eth0.XXXX
VLAN=yes
BOOTPROTO=static
IPADDR=172.16.0.2
NETMASK=255.240.0.0
ONBOOT=yes
BROADCAST=172.31.255.255

Riavvia quindi la tua interfaccia di rete:
ifup eth0.XXXX

Per verificare la tua configurazione, puoi usare ifconfig:
[root@testvrack2 ~]# ifconfig

eth0 Link encap:Ethernet HWaddr 00:1C:C0:BA:D4:54
inet addr:94.23.196.217 Bcast:94.23.196.255 Mask:255.255.255.0
UP BROADCAST RUNNING MULTICAST MTU:1500 Metric:1
RX packets:319842 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
TX packets:267546 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
collisions:0 txqueuelen:1000
RX bytes:366903141 (349.9 MiB) TX bytes:228654217 (218.0 MiB)
Memory:e0200000-e0220000

eth0.2009 Link encap:Ethernet HWaddr 00:1C:C0:BA:D4:54
inet addr:172.16.0.2 Bcast:172.31.255.255 Mask:255.240.0.0
UP BROADCAST RUNNING MULTICAST MTU:1500 Metric:1
RX packets:110446 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
TX packets:45326 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
collisions:0 txqueuelen:0
RX bytes:110613350 (105.4 MiB) TX bytes:108015196 (103.0 MiB)

lo Link encap:Local Loopback
inet addr:127.0.0.1 Mask:255.240.0.0
UP LOOPBACK RUNNING MTU:16436 Metric:1
RX packets:140 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
TX packets:140 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
collisions:0 txqueuelen:0
RX bytes:19479 (19.0 KiB) TX bytes:19479 (19.0 KiB)

e verifica le rotte tramite il comando route:
[root@testvrack2 ~]# route -n
Kernel IP routing table
Destination Gateway Genmask Flags Metric Ref Use Iface
94.23.196.0 0.0.0.0 255.255.255.0 U 0 0 0 eth0
169.254.0.0 0.0.0.0 255.255.0.0 U 0 0 0 eth0.2009
172.16.0.0 0.0.0.0 255.240.0.0 U 0 0 0 eth0.2009
0.0.0.0 94.23.196.254 0.0.0.0 UG 0 0 0 eth0

Per testare la tua configurazione, puoi pingare il gateway o un altro server della tua rack virtuale sul quale hai già eseguito la configurazione descritta fin'ora:
[root@testvrack2 ~]# ping 172.31.255.254
PING 172.31.255.254 (172.31.255.254) 56(84) bytes of data.
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=1 ttl=255 time=8.36 ms
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=2 ttl=255 time=0.407 ms
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=3 ttl=255 time=0.388 ms

[root@testvrack2 ~]# ping 172.16.0.1
PING 172.16.0.1 (172.16.0.1) 56(84) bytes of data.
64 bytes from 172.16.0.1: icmp_seq=1 ttl=63 time=11.4 ms
64 bytes from 172.16.0.1: icmp_seq=2 ttl=63 time=0.218 ms
64 bytes from 172.16.0.1: icmp_seq=3 ttl=63 time=0.213 ms


Virtualizzazione

Troverai di seguito tutte le guide per la configurazione di una Virtual Rack su distribuzioni virtualizzate.

VMware ESXi

Clicca qui per consultare la guida per la configurazione di VMware ESXi


Proxmox

Clicca qui per consultare la guida per la configurazione di "Proxmox"


Altre distribuzioni

Windows Server 2008
IMPORTANTE!!
Puoi configurare la classe 172.16.0.0/12, con l'eccezione degli IP elencati di seguito, che non dovrai in NESSUN CASO aggiungere come interfacce sulle tue macchine:
  • 172.16.0.0 => IP Network
  • 172.31.255.252 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.253 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.254 => IP Gateway della tua Rack virtuale

ATTENZIONE!!
E' vivamente consigliato realizzare la configurazione della Vrack PRIMA di qualsiasi configurazione su Hyper-V, che collegherà l'interfaccia fisica con una interfaccia virtuale, impedendo qualsiasi ulteriore creazione di interfacce Vlan taggate. La presenza di un KVM (IPMI o USB) sul server è ugualmente fortemente consigliata, per poter avere accesso in caso di necessità.

Prima di tutto aggiorna il driver della scheda di rete, scaricando il driver corretto da questo link.
Esegui un reboot del server prima di continuare con le configurazioni.

Devi recuperare il numero di serie della scheda di rete tramite il seguente comando da riga di comando (Attenzione, è necessario lanciare questo comando come Amministratore):
C:\Program Files\Intel\DMIX\CL\PROSetCL.exe Adapter_Enumerate

In seguito dovrai creare uno script .bat nella cartella C:\Program Files\Intel\DMIX\CL\ per configurare le Vlan:
"C:\Program Files\Intel\DMIX\CL\PROSetCL.exe" Adapter_createvlan num_carte XXX vrackXXX
ping -n 5 127.0.0.1 >NUL 2>&1
"C:\Program Files\Intel\DMIX\CL\PROSetCL.exe" Adapter_createvlan num_carte 0 vrack0
ping -n 5 127.0.0.1 >NUL 2>&1

num_carte: corrisponde al numero di serie della tua scheda di rete
XXXX: corrisponde al numero della tua Vrack

IMPORTANTE!!
Lo script .bat deve essere eseguito come amministratore. Per questa operazione, clicca col tasto destro sul file e poi clicca su Esegui come amministratore.

Esegui un ulteriore reboot del server prima di continuare con le tue configurazioni.

In seguito, avrai due nuove interfacce nella gestione di rete del server.
Per l'interfaccia Vrack0 devi fornire la configurazione IP sulle informazioni del tuo server:
IP: xxx.xxx.xxx.xxx
Netmask: 255.255.255.0
Gateway: xxx.xxx.xxx.254
Server DNS: 213.186.33.99

Infine sull'interfaccia Vrack_num_vrack, devi configurare l'indirizzo IP che desideri inserire sulla Vrack con:
Gateway: 172.31.255.254
Server DNS: 213.186.33.99


Windows Server 2012
IMPORTANTE!!
Puoi configurare la classe 172.16.0.0/12, con l'eccezione degli IP elencati di seguito, che non dovrai in NESSUN CASO aggiungere come interfacce sulle tue macchine:
  • 172.16.0.0 => IP Network
  • 172.31.255.252 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.253 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.254 => IP Gateway della tua Rack virtuale

ATTENZIONE!!
E' vivamente consigliato realizzare la configurazione della Vrack PRIMA di qualsiasi configurazione su Hyper-V, che collegherà l'interfaccia fisica con una interfaccia virtuale, impedendo qualsiasi ulteriore creazione di interfacce Vlan taggate. La presenza di un KVM (IPMI o USB) sul server è ugualmente fortemente consigliata, per poter avere accesso in caso di necessità.

Collegati all'interfaccia di gestione del Server e clicca su Server Locale:




Quindi nella sezione NIC Teaming, clicca su Tasks quindi su New Team:




A questo punto perderai la connessione al server, sarà sufficiente riavviare la connessione per continuare con l'impostazione.

Ora indica qui il nome del Team e seleziona la scheda di rete da utilizzare:




Una volta creato il Team, nella scheda Adapters and Interface sulla sinistra, clicca nuovamente su Tasks e poi su Add Interface:




Ora specifica il nome dell'interfaccia per la tua Vrack, in Specific Vlan (qui impostata a 2222), sostituendo 2222 con il numero della tua Vrack:




A questo punto vedrai due nuove interfacce in Network and Sharing Center.
Per l'interfaccia Vrack0 devi fornire la configurazione IP sulle informazioni del tuo server:
IP: xxx.xxx.xxx.xxx
Netmask: 255.255.255.0
Gateway: xxx.xxx.xxx.254
Server DNS: 213.186.33.99

Infine sull'interfaccia Vrack_num_vrack, devi configurare l'indirizzo IP che desideri inserire sulla Vrack con:
Gateway: 172.31.255.254
Server DNS: 213.186.33.99


FreeBSD
IMPORTANTE!!
Puoi configurare la classe 172.16.0.0/12, con l'eccezione degli IP elencati di seguito, che non dovrai in NESSUN CASO aggiungere come interfacce sulle tue macchine:
  • 172.16.0.0 => IP Network
  • 172.31.255.252 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.253 => IP riservato per uso interno OVH
  • 172.31.255.254 => IP Gateway della tua Rack virtuale

Per abilitare l'avvio delle vlan all'attivazione del server, devi modificare il file /boot/defaults/loader.conf, e sostituire:
if_vlan_load="NO"

con
if_vlan_load="YES"


Dovrai poi salvare il file di configurazione principale:
cp /etc/rc.conf /etc/rc.conf.bak


Quindi modifica il file /etc/rc.conf, e aggiungi le seguenti stringhe al termine del file:
# sostituisci XXXX con il tag della tua rack virtuale
cloned_interfaces="em0.vlanXXXX"
ifconfig_em0_vlanXXXX="inet 172.16.0.2 netmask 255.240.0.0 broadcast 172.31.255.255"


Infine riavvia le interfacce di rete:
/etc/rc.d/netif restart && /etc/rc.d/routing restart


Per verificare la tua configurazione puoi usare i seguenti comandi:
testvrack1# netstat -nr
Routing tables

Internet:
Destination Gateway Flags Refs Use Netif Expire
default 94.23.196.254 UGS 2 64 em0
172.16.0.0/12 link#3 U 0 0 em0.vl
172.16.0.2 link#3 UHS 0 0 lo0
94.23.196.0/24 link#1 U 3 777 em0
94.23.196.195 link#1 UHS 0 0 lo0
127.0.0.1 link#2 UH 0 0 lo0


Per testare la tua configurazione, puoi pingare il gateway, oppure un altro server della rack virtuale sul quale le modifiche sopra indicate sono già state eseguite:
testvrack1# ping 172.31.255.254
PING 172.31.255.254 (172.31.255.254): 56 data bytes
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=0 ttl=255 time=1.957 ms
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=1 ttl=255 time=0.551 ms
64 bytes from 172.31.255.254: icmp_seq=2 ttl=255 time=0.525 ms

3 packets transmitted, 3 packets received, 0.0% packet loss

testvrack1# ping 172.16.0.1
PING 172.16.0.38 (172.16.0.1): 56 data bytes
64 bytes from 172.16.0.1: icmp_seq=0 ttl=63 time=6.721 ms
64 bytes from 172.16.0.1: icmp_seq=1 ttl=63 time=0.300 ms
64 bytes from 172.16.0.1: icmp_seq=2 ttl=63 time=0.306 ms

3 packets transmitted, 3 packets received, 0.0% packet loss
round-trip min/avg/max/stddev = 0.300/2.442/6.721/3.025 ms


Open Solaris

In corso di redazione


Test e Diagnostiche

Alcune informazioni utili:

  • Il tuo IP privato appare in seguito ad un comando ifconfig o con ip addr show? Se non appare, verifica i tuoi file di configurazione di rete e riavvia la tua interfaccia.

  • L'IP privato appare ma non sulla rack virtuale? Verifica di aver inserito correttamente la tag della rack virtuale nel file di configurazione di rete

  • Il gateway non pinga? Verifica che il server sia inserito nella rack virtuale e che il gateway inserito nella configurazione sia quello corretto. Verfica inoltre che, se hai installato un firewall, questo non blocchi le richieste.

  • Per verificare quali IP sono raggiungibili nel tuo blocco, usa il seguente comando:
    [root@testvrack1 fping-2.4b2_to]# fping -g 178.33.8.64/28
    178.33.8.64 error while sending ping: Permission denied
    178.33.8.71 is alive
    178.33.8.78 is alive

  • Per conoscere il flusso tra i tuoi server:

    • Sul server da testare:
      # nc -l 7777 > /dev/null

    • Su un altro server:
      # dd if=/dev/zero bs=100M count=1 | nc 178.33.8.71 7777
      1+0 records in
      1+0 records out
      104857600 bytes (105 MB) copied, 9,08299 s, 61,5 MB/s

  • Il gateway pinga ma non gli altri server:
    (sezione in corso di redazione)


Opzioni aggiuntive

Oltre all'utilizzo standard della tua rack virtuale, puoi anche:

sezioni addizionali sono tutt'ora in corso di redazione